Gli indici futures: che cosa sono e come si usano

Indici futures

Gli indici futures sono degli strumenti finanziari derivati, cioè il loro valore deriva dal valore di un asset sottostante, che può essere finanziario, come un’azione, un’obbligazione o una valuta, oppure reale, come nel caso di oro, gas naturale o grano. Con i futures si possono fare speculazioni finanziarie nel breve termine, operazioni di copertura e di arbitraggio. Vediamo di che si tratta.

Perché si usano i futures? La speculazione

Con l’acquisto di futures, l’investitore stipula un contratto che prevede la compravendita di una quantità determinata di attività finanziarie o reali, a un prezzo stabilito e una scadenza futura, da cui il nome. I Futures sono uno degli strumenti principali di speculazione, perché permettono nel breve termine, ad esempio entro la stessa giornata, di guadagnare sulle oscillazioni di prezzo dell’asset a cui sono collegati.

La funzione di copertura

Oltre alla speculazione, gli indici futures si possono acquistare anche come funzione di copertura (hedging): in questo caso, ci si protegge dai probabili andamenti negativi di un bene o di un’attività finanziaria, come nel caso in cui si scelga di vendere un futures se si prevede un calo di prezzo che potrebbe portare a una perdita.

La funzione di arbitraggio

L’arbitraggio è un’attività con la quale si sfruttano, per profitto, le differenze di prezzo dello stesso strumento su mercati diversi. Nel caso degli indici futures, quindi, si può decidere di acquistare un futures in un mercato in cui il prezzo è più basso e rivenderlo in uno in cui i prezzo è più alto. Oltre ad avere un ritorno economico, l’arbitraggio consente anche di livellare i prezzi di riferimento sui diversi mercati.

Quanto costa investire in Futures?

Gli indici Futures sono sempre più scelti, in particolare tramite i broker regolamentati on line, perché rispetto ad alte negoziazioni, come ad esempio la compravendita di azioni, hanno delle commissioni di intermediazione molto più bassi. Il costo vero e proprio riguarda l’acquisto dei contratti e le eventuali perdite.

Dove si negoziano i Futures?

Ciascun tipo di indice futures ha i suoi mercati di riferimento. Ad esempio, l’IDEM, Derivates Equity Market, prevede lo scambio di futures su azioni: l’AGREX (Agricultural Derivatives Exchange) i prodotti agricoli come il grano, e l’IDEX (Italian Derivatives Energy Exchange) i futures sui prodotti energetici. Le piattaforme degli intermediari regolamentanti permettono di investire in futures da casa tramite l’iscrizione gratuita alla propria piattaforma.

X